Archive for 24 ottobre 2008

Asociación Cabildos Indígenas del Norte del Cauca denuncia le bugie del Presidente Uribe

Questa ve la faccio leggere tutta da qui, per intero, perchè so che siete pigri e non andate a visitare i link… Una denuncia secca e contundente da parte degli indigeni accusati delle cose più fantasiose e ridicole. Trovate riferimento alla detenzione di “assessori innocenti”; si tratta di un Senatore e di due suoi consiglieri che hanno partecipato allo scopero dei lavoratori di canna e sono stati illegalmente arrestati e detenuti. (ora cerco documenti e link anche su questo!) il “video della CNN” è linkato, vi manda direttamente al sito della CNN, non riesco ad inserirlo come gli altri, dannazione! io sto sempre aspettando gli aiuti di un esperto smanettatore!!

Uribe, perché non taci?

ACIN Venerdì, Oct. 23, 2008 at 1:47 PM

acincauca@yahoo.es

Impressionante. Il Presidente circondato dalla cupola militare nel Palazzo Nariño. Il Generale Naranjo torna a parlare con la sua caratteristica convinzione e forza. Stavano rettificando con supposta prodezza una bugia: la Polizia sì ha sparato.Ma sarebbe stato meglio che avesse taciuto, piuttosto di rettificare una bugia con altre bugie.

un poliziotto si è iinervosito e ha sparato. Bugia, Presidente, bugia Generale. Spararono molti, spararono due giorni e spararono per ore ed inoltre spararono civili in mezzo ai poliziotti e non erano nervosi né stavano rispondendo ad esplosivi lanciati dagli indigeni. Questo non lo diciamo sulla base di quello che tutto il mondo ha visto nel video del notiziario della CNN dove non si vede il poliziotto nervoso, lo si vede incappucciato mentre spara protetto da una decina di agenti dell’ESMAD.Né perché non si sente una sola esplosione, né perché in quello stesso video si vedono vari altri, vestiti come quello che spara, con le stesse armi. Lo diciamo perché ci sono molte, molte più testimonianza, più documentari, più prove e diventeranno pubbliche ora che voi avete mentito.

Uno non può inviare la forza pubblica a sparare per ore e dopo ordinare che non si sappia. O può, ma questa volta la verità non sarà quella che lei ordina.Si è innervosito anche  il soldato che ha utilizzato la salopette della CICR. Hanno agito senza ordini e per decisione propria anche colui che ha deciso di investigare sul Polo Democratico dal  Das, ed il Direttore del DAS Noguera quando si è dedicato ad attività criminali in coordinazione coi paramilitari, e questo poliziotto che sparò. Verrà fuori la verità, Presidente. Per adesso, parli, continui a parlare, continui a mentire al paese ed al mondo affinché rimanga chiaro d’un colpo e per sempre che lei mente, ha mentito e continuerà a mentire e che questo paese le ha creduto ed ha applaudito le sue bugie. Che si ha bisogno del bugiardo e di chi gli creda per raggiungere tanta popolarità come quella che lei ha.

Ma inoltre, Presidente, dove sta l’autopsia di Taurino Ramos Valencia, assassinato in La María con spari di fucile? A lei piace presentare espedienti ed autopsie. Esistono anche le immagini del suo cranio perforato per le pallottole e le notizie mediche e la sua storia clinica e la sua autopsia. Ci sono molte foto di feriti di pallottola Presidente. Non furono tre tiri in aria: bugiardo. Ma parleranno le prove.

La lista di feriti da pallottole e del personale medico che li ha assistiti. Le famiglie, compagni ed amici che lo sanno. Presidente, lei sostiene che non abbiano sparato, dopo avere ordinato che lo facessero e questo è un problema. Un altro problema è che ordinò di occultarlo. Quindi cerca di confessare che uno solo lo ha fatto. Che le vittime sono i boia. Mente per occultare bugie.

Ma mentì anche un’altra volta sulle terre. Siamo già stanchi di provarlo. Lei, un proprietario terriero svergognato, segnala la concentrazione di terre in mani indigene. Presenti al paese le relazioni dell’INCORA e dell’INCODER sul deficit di terre indigene nel Cauca. Lei li conosce, Presidente. O li deve presentare CNN? La situazione è la stessa in tutta la Colombia e peggiore ancora quella di contadini ed afrodiscendenti. La concentrazione di terre nelle mani di palmicultores, stabilimenti di canna, transnazionali mineraria, industrie petrolifere ed altre parla per sé stessa. Lei ha sostenuto che gli indigeni sono terratenienti e ha tirato fuori cifre. Ma sono manomesse, ed il fatto è falso.

Presidente Uribe, perché non tace? Affinché non si continuino ad accumulare bugie su bugie. Il maggiore rischio per la stabilità del paese. Il piano per abbattere il Governo viene dalla Casa di “Nari” e lei è il sovversivo dell’ordine istituzionale. Un pericolo per il paese.

Bisogna aspettare che l’assemblea e la Minga dei Popoli decidano e le rispondano, se le risponderanno, Presidente, sulla riunione in Popayán. Per il momento ci sembra ovvio che con lei non ci sarà dialogo legittimo nelle condizioni che lei pretende imporre. Lei dovrebbe liberare i tagliatori di canna e gli assessori innocenti. Lei dovrebbe chiedere perdono e dire tutta la verità sulle terre e le vittime, le sue vittime. Lei dovrebbe presentarsi ad una Assemblea. Perché, chi della Minga andrebbe ad un Consiglio Comunitario che le permetta di mentire come ha appena ha fatto in Quetame? In una Assemblea, con la Minga dei Popoli, finalmente, dovrebbe ascoltare come abbordiamo dal punto di vista della verità e senza occultare, la stabilità del paese e il futuro necessario. Di questo si tratta; questa è la Minga dei Popoli.

Tejido de Comunicación y Relaciones
Para la Verdad y la Vida
ACIN
Minga de los Pueblos,
Santander de Quilichao, Cauca
Octubre 23 de 2008.

http://www.nasaacin.org

Annunci

Il festival delle cazzate presidenziali

Per non farmi sentire troppo la mancanza del belpaese, Uribe mi rallegra sparando cazzate di tale qualità che si necessita un giubbotto antiproiettile per resistere all’attacco. Traggo da El Tiempo di ieri e riporto da un’intervista televisiva:

1) durante la marcia indigena sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco due indigeni. Inizialmente Uribe dice “non è stata la polizia, la polizia spara solo in aria”. poi viene fuori (data la difficoltà di supporre che gli indigeni si ammazzino tra di loro pur di addossare una ulteriore colpa al Governo – anche se è colombiano il presidente che negli anni ’80 disse che i colombiani si autotorturavano per ledere la sua posizione) che è stata ovviamente la polizia a sparare. Il commento di Uribe “non lo sapevo”. Poi, non pago: “non è tanto il fatto che abbiano sparato, quanto che mi abbiano mentito”. !!! Brutti poliziotti cattivi, non si dicono le bugie a paparino!

La seconda chicca passerà credo alla storia. Prima serata su uno dei canali di Stato colombiani: “Il paramilitarismo in Colombia non esiste”.

Capito? difensori dei diritti umani, militanti ,attivisti, leader sociali, comunità in resistenza, parenti delle vittime, storici, sociologi, economisti, magistrati, giudici, avvocati, giornalisti…. Un branco di coglioni! Un nugolo di pirla che cerca di fare luce, verità e giustizia sui crimini atroci commessi da un’entità… che non esiste!

Meraviglioso, no? Aggiungerò un nuovo tag per l’occasione. Uribismi!

Passando invece a cose più grate, ieri c’è stato un oceanico sciopero generale contro il Governo ed in solidarietà ai lavoratori di canna da zucchero ed agli indigeni. E la direttora del DAS (polizia nazionale) si è dovuta dimettere perchè si è scoperto che alcuni membri del DAS spiavano ed inseguivano i membri del partito di opposizione “Polo Democratico”. Si, anche qui hanno il loro PD, e fa abbastanza schifo anche questo…

Bene, cerco qualche foto e notizia per aggiornarvi e pubblico un altro articolo prima di uscire, intanto nella sezione audio trovate il collegamento alla radio della ONIC per seguire in diretta le tappe della marcia indigena, che presto arriverà a Cali dove si incontrerà con Uribe.