Appello

Ciao a tutti. Troppo silenzio di cui vi prego di perdonarmi. Una buona notizia: un mio articolo è stato pubblicato sull’ultimo numero di Latinoamerica il 106/107, doppio d’apertura del 2009, ora in edicola. Ovviamente, finito il post lo pubblico da qualche parte nel blog…

Veniamo all’appello.

La situazione di conoscenza del problema agrocombustibili in Italia è patetica, ridicola. Nessuno ne sa niente. Intanto colossi del settore alimentare come Vandemoortele distribuiscono olio di palma in tutta Europa, compresa l’Italia!

Bisogna fare qualcosa. Quantomeno, cominciare ad informarsi ed informare. Chiunque abbia tempo, voglia, disponibilità, per fare ricerche e cominciare a mettere in rete quanto si sa, è il benvenuto! Gli osservatori sugli agrocombustibili in Colombia ed in altre parti del mondo, per fortuna, sono numerosi (andate a vedere per esempio sul sito di Rettet den Regenwald ilreport della missione internazionale di verifica degli impatti degli agrocombustibili, oppure ascoltate le interviste ai partecipanti nel servizio di Radio Mundo Real Monocultivo Impune ); ciò che manca è l’informazione qui!

In Inghilterra esiste una rete molto avanzata sugli agrocombustibili, si chiama Biofuelwatch, il loro sito è ricco di materiale interessante e di esempi di campagne portate avanti nel Regno Unito. Credo che qui in Italia siamo molto indietro eppure non possiamo non dirci coinvolti (La Vandemoortele Italia ha sede a pochi chilometri da casa mia, sigh, sob!).

Cercherò di pubblicare qualcosa di interessante sull’argomento ma sono ben conscia che ognuno di noi da solo non vale nulla e per diffondere la conoscenza del problema agrocombustibili ci vuole una comunità in movimento…

Questo è il mio appello… AGITIAMOCI, ORGANIZZIAMOCI, STUDIAMO! Probabilmente ci sono molte persone che ne sanno molto più di me… Si tratta intanto di metterci in contatto.

Annunci

One response to this post.

  1. Dopo aver incontrato le popolazioni che sono state sfollate, cacciate dai paramilitarie e miliatri che hanno ucciso i loro cari per prendergli la terra e darla agli impresari che hanno dato inizio alle grandi monocolture di agro(necro)combustibili, mi sento responsabilizzata in quanto testimone di informare il più possibile questa parte del mondo rispetto ai danni ambientali e alle violazioni dei diritti che questa industria provoca. L’agroindustria è mortale per l’ambiente, gli animali, le persone. Se non prendiamo coscienza di quello che provoca la politica dell’UE nell’impulso che da all’utilizzo di agrocarburanti, saremo complici silenziosi e codardi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: